scritta branding seo

SEO Branding: come usare la SEO per migliorare il tuo Brand

In parole semplici, la “SEO Branding” non è altro che la search engine optimization utilizzata come strategia di branding.

L’obiettivo di questa strategia SEO, però, non è generare traffico dalle parole chiave legate al tuo business, ma aumentare il volume di ricerca delle parole chiave legate al tuo brand.

Per esempio Esempio, il sito facile.it è:

  • In posizione 3 per “assicurazione auto” (oltre 200mila ricerche/mese)
  • In posizione 2 con “preventivo auto assicurazione” (oltre 7mila ricerche/mese)
  • In posizione 2 con “luce e gas offerte” (circa 50mila ricerche mensili)

Queste sono le parole chiave legate al business del sito, ma quanto volume generano le parole chiave legate al brand?

  • “Facile” circa 90mila ricerche/mese
  • “facile ristrutturare” circa 27mila ricerche/mese
  • “facile.it assicurazione auto” circa 27mila ricerche/mese
  • “facile.it luce” circa 8mila ricerche/mese

Questo è solo un piccolo esempio, ma le parole chiave legate al brand “facile.it” sono moltissime.

Il traffico organico generato dal brand può essere enorme, inoltre è un traffico di grande qualità, perché le persone che arrivano sul tuo sito, digitando il nome del tuo brand, sono sicuramente molto più propense ad acquistare da te.

La SEO Branding è una strategia di marketing a lungo termine potentissima, e in questo articolo ti spiego come funziona.

Indice dell’articolo:

Come funziona la SEO Branding

Alla base della SEO per il Brand c’è la creazione di contenuti che, in genere, vengono condivisi prima sul blog dell’azienda, e poi su tutti i canali a disposizione, come social network e newsletter.

I contenuti che vengono creati devono:

  • Aumentare la visibilità del brand (traffico diretto)
  • Aumentare l’affidabilità del brand (o percezione positiva)

Se aumenti l’affidabilità del tuo brand, le persone preferiranno i tuoi prodotti a quelli dei tuoi competitor anche se costano di più.

Non ci credi? Allora ti faccio un esempio.

Apple e Samsung producono telefoni di qualità a prezzi molto alti, ma se vai su siti come Ali Express troverai sicuramente un telefono con le stesse prestazioni dell’iPhone a un prezzo molto più basso.

Nonostante il prezzo più basso, molto probabilmente non comprerai quel telefono che promette prestazioni eccezionali, semplicemente perché non conosci il brand.

Ecco quale può essere la forza di un grande marchio.

Importante: i contenuti che andrai a creare per aumentare la visibilità e la percezione positiva del brand devono essere organizzati in un preciso piano editoriale.

Come creare il piano editoriale

Quando creo un piano editoriale uso una regola ben precisa: un articolo per ogni parola chiave.

Importante: bisogna sempre evitare la cannibalizzazione delle parole chiave.

Come ho già scritto nel precedente paragrafo, il piano editoriale deve prevedere contenuti con 2 precisi obiettivi:

  • Aumentare la visibilità del brand (traffico diretto)
  • Aumentare l’affidabilità del brand (o percezione positiva)

Per raggiungere questi importanti obiettivi puoi creare 5 tipologie di contenuti:

Importante: non sei obbligato a trattare solo argomenti strettamente legati al tuo prodotto, basta che siano rilevanti per le tue buyer persona.

Per esempio, se vendi pannelli fotovoltaici, puoi scrivere contenuti sui vantaggi offerti dalle energie rinnovabili.

Esempi di contenuti per educare i tuoi clienti

I contenuti per educare i tuoi clienti possono essere:

  • Tutorial
  • Webinar
  • Infografiche
  • Blog post

Un ottimo esempio di “Contenti per Educare” lo trovi nel blog di Semrush, dove oltre a trovare contenuti che mostrano i vantaggi del SEO tool, trovi anche tutorial e corsi su come utilizzare al meglio le tante funzioni del software.

Esempi di contenuti per aiutare i tuoi clienti

Un ottimo esempio di “Contenuti per aiutare” i tuoi clienti lo trovi nel blog di We Road e sui loro canali social.

Lo Staff di We Road, infatti, condivide moltissimi contenuti con “Consigli di viaggio” su itinerari, attrazioni, destinazioni e molto altro.

Esempi di contenuti per tenere aggiornati i tuoi clienti

Creare contenuti sulle ultime novità relative al proprio mercato di riferimento, o rilevanti per le proprio buyer persona, è considerata un’ottima strategia di SEO Branding.

Per esempio, molti SEO specialist e Digital Marketing Specialist scrivono articoli o creano video sugli ultimi aggiornamenti di Google.

Un ottimo modo per creare contenuti “News” è anche scrivere notizie che trattino di leggi e decreti.

Se ci pensi bene, infatti, non c’è settore oggi, dall’ecommerce all’immobiliare, dall’automotive ai mutui, che non sia influenzato dalle nuove leggi che vengono emanate dal Governo Italiano o dal Parlamento Europeo.

Per avere un esempio dei contenuti che potresti scrivere scrivere, visita siti come “Studio Cataldi” o “La Legge per Tutti”.

Esempi di contenuti per intrattenere e divertire i tuoi clienti

I contenuti “Per intrattenere” sono molto utili per aumentare la visibilità del brand, il problema è che, in genere, portano meno conversioni.

Se infatti, da un lato, le persone sono attirate dal contenuto divertente, c’è il rischio che prestino poca attenzione al marchio.

Il mio consiglio è di utilizzare questo contenuto come un “Extra”, ovvero, solo se hai un grande budget pubblicitario e solo dopo aver investito in canali con un migliore “ROI” e soprattutto con una maggiore tracciabilità delle conversioni.

Un grande esempio di “Contenuto per intrattenere” o “Contenuto per divertire” è il lavoro dei “The Jackal”.

Esempi di contenuti per sostenere iniziative sociali

Trattare tematiche sociali, come l’ambiente o la protezione degli animali, può aiutare un brand ad aumentare la propria notorietà e, soprattutto, ad entrare nella testa e nel cuore delle persone.

Attenzione però, scegliere questa strada solo per profitto economico può diventare un enorme boomerang conficcato nella tua schiena.

Per esempio, un’assicurazione auto può creare contenuti per sensibilizzare le persone al problema dell’abbandono di cani e gatti in estate, oppure un’azienda che produce caffè può creare contenuti per ricordare quanto sia importante sostenere lo sviluppo e la crescita dei territori del Sud America.

I vantaggi della SEO per il Brand

  • Aumento della visibilità del brand
  • Aumento della percezioni positiva del brand
  • Aumento della riconoscibilità del brand
  • Aumento dell’affidabilità del brand
  • Aumenti del traffico
  • Aumento delle vendite

Ricorda sempre un concetto molto importante: le persone cercano sempre il prezzo più basso, ma cercano anche l’affidabilità.

Se l’utente si fida di te, se riconosce il valore del tuo brand, è disposto anche a pagare di più. 

Oggi, molto probabilmente, i computer Apple non sono i migliori, come non lo sono gli smartphone, ma Apple resta uno dei marchi che vende di più grazie proprio al “Valore” trasmesso dal marchio.

La SEO Branding permette di aprire nuovi mercati più facilmente

La SEO Branding favorisce quello che viene definito il “Posizionamento” di un Brand.

Se per esempio ti affermi nel campo delle assicurazioni auto, sia in termini di brand, sia in termini di SEO, sarà molto più semplice aprirti a un nuovo mercato e iniziare a vendere, per esempio, assicurazioni per cani.

Anche per l’e-commerce vale questo principio.

Una volta che riesci a generare traffico organico anche con il tuo brand, potrai vendere più facilmente anche altri prodotti.

Non ci credi? Pensa solo che Amazon, all’inizio, vendeva libri.

Una strategia a lungo termine

Quello che forse è il più grande punto debole dalla “SEO per il Brand” è che è una strategia “A lungo termine”.

Contrariamente a quanto avviene per la PPC, infatti, vedere i benefici di una campagna “SEO Branding” può richiedere diversi mesi.

Ovviamente, i tempi per vedere i benefici della “SEO Branding”, come della SEO, possono essere influenzati da diversi fattori, come:

  • Budget disponibile
  • Anzianità del brand
  • Dimensioni dei competitor

Il mio metodo

Di seguito ti riassumo i punti chiave del mio metodo. 

Obiettivi:

  • Aumentare il traffico organico relativo al brand
  • Aumentare le parole chiave “Brand” con cui è indicizzato il tuo sito
  • Aumentare le vendite provenienti da traffico organico

Come raggiungo gli obiettivi? Creo contenuti SEO Friendly che mirano a:

  • Educare 
  • Aiutare
  • Tenere aggiornati

Dove condivido i contenuti:

  • Blog
  • Social Network
  • Newsletter

KPI:

  • Traffico Organico
  • Volume di traffico delle parole chiave legate al brand
  • Numero delle conversioni da traffico organico
  • Numero delle vendite da traffico diretto

Vuoi avviare una strategia di SEO Branding? inviami una email a stefano@mypresslab.com


Pubblicato

in

da