prodotti tipici locali

Come usare la SEO per vendere Prodotti Tipici Online nel 2024?

La SEO può aumentare le vendite del tuo ecommerce di prodotti tipici perché è in grado di aumentare il traffico organico, ovvero il traffico generato dalla ricerca di determinate parole chiave su Google, come per esempio “Prodotti tipici Siciliani” o “Prodotti tipici Calabresi“.

Essere in prima pagina con queste parole chiave, infatti, permette di poter aumentare notevolmente le vendite del proprio sito ecommerce.

Ma come ottenere tutto questo?

Sviluppando una Strategia SEO efficace come quella che ti presento nel mio articolo.

Indice dell’articolo:

  1. Trova tutte le parole chiave per “Prodotti tipici”
  2. Utilizza la SEO copywriting
  3. Utilizza anche l’intelligenza artificiale
  4. Cura la Speed Optimization
  5. Ottimizza le immagini
  6. Crea la tua prima strategia SEO
  7. Impara ad effettuare un’analisi SEO e a monitorare le SEO KPI

Per richiedere una consulenza SEO gratuita ti basta inviare una email a stefano@mypresslab.com.

1 – Trova tutte le parole chiave per “Prodotti tipici”

Per trovare le parole chiave giuste per il tuo ecommerce devi obbligatoriamente utilizzare più di un SEO tool, alcuni gratuiti, altri a pagamento.

A questo punto, ti possono essere utili 2 post che ho scritto in passato:

Una volta scelti i SEO Tools, per trovare le parole chiave giuste devi tenere in considerazione i seguenti parametri:

Importante: per un e-commerce di prodotti tipici, spesso la SEO è più importante per le “Category Page” che per la pagina del singolo prodotto.

Ecco qualche parole chiave di esempio per il tuo ecommerce:

  • prodotti tipici pugliesi online (volume di ricerca medio mensile 510)
  • prodotti tipici calabresi online (volume di ricerca medio mensile 330)
  • prodotti siciliani online (volume di ricerca medio mensile 550)
  • Prodotti tipici online (volume di ricerca medio mensile 9000)

Importante: per ogni pagina del tuo sito devi definire una “Parola chiave principale“.

2 – Utilizza la SEO copywriting

La SEO copywriting consistenze nell’applicazione delle regole SEO al copywriting.

Questo significa che tutti i testi dei del tuo sito devono essere scritti seguendo la SEO, solo in questo modo potrai sperare di indicizzare il tuo sito e di raggiungere la prima pagina su Google.

Ma la SEO Copywriting è anche una strategia vera e propria che permette di:

  • aumentare il traffico del tuo sito
  • aumentare la visibilità del tuo branding
  • aumentare il numero dei backlinks
  • aumentare la vendite

Importante: tutto questo è possibile solo creando contenuti di qualità.

Creare un blog è il modo migliore per sviluppare una strategia di SEO Copywriting. 

All’interno del tuo blog puoi scrivere articoli per:

  • rispondere alle domande degli utenti
  • creare ricette con i prodotti che vendi
  • segnalare sagre
  • parlare di cucina tradizionale
  • proprietà benefiche dei prodotti bio
  • quali prodotti contengono più proteine
  • quali prodotti sono adatti a chi vuole dimagrire o a chi va in palestra

Questi sono solo alcuni degli argomenti che puoi trattare all’interno del tuo blog.

Consigli per la SEO Copywriting per un ecommerce di prodotti tipici

  • Titoli H1 unici e pertinenti.
  • Meta descrizioni accattivanti per incoraggiare il click.
  • Testi che includano le parole chiave principali e correlate in modo naturale.
  • Contenuti di qualità che rispondano alle domande e ai bisogni dei tuoi utenti.
  • Non scrivere contenuti solo per il motore di ricerca
  • Ottimizzare le “Category page”
  • Creare Category page per tipologie di prodotti (miele, marmellata, olio, etc)
  • Creare Category page per ogni regione (Prodotti tipici siciliani, Prodotti tipici calabresi, etc)
  • Creare contenuti in lingue diverse (soprattutto inglese, spagnolo e tedesco)
  • Aggiornare periodicamente i contenuti datati
  • Eliminare periodicamente i contenuti obsoleti

3 – Utilizza anche l’Intelligenza Artificiale

Nel 2024 non si può più pensare di aprire un ecommerce e non usare l’intelligenza artificiale.

Oggi, infatti, software come ChatGPT, Gemini o Jasper, possono aiutarti in moltissime attività, dalla creazione di contenuti allo sviluppo di una strategia web marketing.

Importante: l’intelligenza artificiale, senza l’intervento umano, è praticamente inutile.

In altre parole, l’intelligenza artificiale è come un “Turbo” ma può migliorare la tua SEO solo se tu conosci la SEO.

Puoi utilizzare l’intelligenza artificiale per scrivere i contenuti del tuo blog e del tuo sito, ma devi tener ben a mente 2 punti fondamentali:

  • La struttura “SEO Friendly” della pagina la devi creare te
  • I contenuti devono essere sempre revisionati da una persona competente

Per fare SEO serve esperienza e creatività, e l’AI può solo simulare queste cose.

Almeno per il momento.

4 – Cura la Speed Optimization

La “Speed Optimization” è l’insieme di strategie e ottimizzazioni che consentono al tuo sito di caricarsi tra 1 e 3 secondi.

In poche parole, il tuo sito ecommerce deve essere veloce.

Per renderlo veramente veloce, devi farti affiancare da un programmatore esperto, ma se non puoi, ti posso dare qualche consiglio da seguire:

  • Acquista un buon hosting 
  • Per le immagini utilizza il formato webP
  • Utilizza plugin come WP-Rocket
  • Usa pochi plugins
  • Utilizzare un Content Delivery Network (CDN)
  • Abilitare la compressione del codice e il caching

Consiglio SEO: utilizzando “PageSpeed Insights” puoi conoscere subito gli elementi da ottimizzare per aumentare la velocità del tuo e-commerce. 

PageSpeed Insights è un SEO Tool Gratuito.

5 – Ottimizza le immagini del tuo e-Commerce

Anche le immagini sono importanti per la SEO, anzi, importantissime.

Le immagini, infatti, si indicizzano e possono generare traffico, ma per farlo devono essere ottimizzate.

Quando carichi un’immagine sul tuo ecommerce, devi assicurarti che abbia:

  • Title
  • Tag Alt (alternative text)

Oltre a quanto già scritto, devi assicurarti che le immagini dei tuoi prodotti, e del tuo sito in generale, siano leggere.

Per far sì che lo siano, ti consiglio di utilizzare il formato webP, inoltre, ricordati di non caricare  un’immagine in un formato più grande di quello di cui hai realmente bisogno.

6 – Crea la tua prima strategia SEO

A questo punto, sei pronto per iniziare a vendere i tuoi prodotti tipici online, ma hai bisogno di una strategia.

Se intendi vendere prodotti provenienti da tutte le regioni d’Italia, non provare subito a indicizzarti per tutte le parole chiave di ogni regione, inizia da una, o addirittura con una località.

Una volta scelta la località di riferimento:

  1. crea contenuti
  2. ottimizza le pagine
  3. inizia a monitorare tutto con Google Search Console
  4. se raggiungi la prima pagina ottimizza per migliorare
  5. ripeti l’intero processo con un’altra località

Se vuoi saperne di più sulla SEO, o se vuoi creare una strategia per il tuo e-commerce, puoi richiedere la mia consulenza SEO (la prima ora è gratis).

Consigli per la tua prima strategia SEO:

  • Creare contenuti di alta qualità
  • Ottenere backlinks da siti autorevoli
  • Ottimizzare le pagine per parole chiave a coda lunga (long-tail keywords)
  • Monitorare i risultati con strumenti come Google Analytics e Google Search Console.

7 – Devi monitorare i risultati con l’Analisi SEO e le SEO KPI

Ricorda che l’unico modo che hai per migliorare le prestazioni del tuo sito è attraverso l’analisi dei dati, come il traffico organico o il position tracking delle parole chiave.

Per l’analisi hai bisogno di uno o più SEO tools che, in genere, non sono gratuiti.

Per iniziare, però, Google Analytics e Google Search Console, due SEO tools gratuiti, possono essere sufficienti.

Se sei alla ricerca di software per migliorare il ranking del tuo sito, puoi leggere la mia guida SEO “I migliori SEO tools gratuiti del 2024”.

Se vuoi saperne di più sull’argomento, puoi leggere i miei articoli:

  • Analisi SEO: guida fai da te
  • SEO KPI per il 2024: quali sono?

Pubblicato

in

da